Rassegna stampa 5 agosto: le regole per il green pass, il successo di Ganna e i suoi fratelli

Le prime pagine dei quotidiani più importanti di giovedì 5 agosto si focalizzano sulle nuove regole per i green pass. Da domani, infatti, scatterà il decreto che prevede l’utilizzo obbligatorio del passaporto vaccinale per diverse attività, dal mangiare al chiuso in un ristorante fino all’andare al cinema, a un concerto o allo stadio. “Scuola, bar, treni. Le nuove regole per il green pass”, titola il Corriere della Sera. Tengono sempre banco, però, le polemiche sul provvedimento all’interno della maggioranza di governo: “No della Lega al green pass”, specifica Repubblica. Per Libero, l’introduzione del green pass dovrebbe comportare “Tamponi gratis”.

Il Giornale e La Verità trattano il caos interno alla Procura di Milano, con il Csm che ha respinto la richiesta del procuratore meneghino Francesco Greco di allontanare il pubblico ministero “ribelle” Paolo Storari. “Anarchia giudiziaria” per il Giornale. La Verità prosegue sullo stesso filone: “Si sgretola il sistema dei giudici”.

Domani e Fatto Quotidiano prendono invece di mira la scelta del governo di destinare ancora fondi un collegamento sullo Stretto di Messina. “Il governo spreca altri 50 milioni per un ponte che non farà mai”, titola Domani. Non è affatto più soft il Fatto Quotidiano: “Il governo butta altri 50 milioni dal Ponte”.

Per quanto riguarda lo sport, l’impresa della nazionale di ciclismo nella prova dell’inseguimento a squadre su pista viene celebrata con foto in quasi tutte le prime pagine. Foto di rito con le medaglie per tutto il gruppo, ma anche l’iconico scatto di Filippo Ganna, il trascinatore del quartetto, che solleva la bici dopo il traguardo per festeggiare la vittoria insperata con tanto di record del mondo. Anche sui giornali sportivi l’impresa di “Ganna e dei suoi fratelli”, come recita il Messaggero, si merita l’adeguato spazio. Se Tuttosport li definisce “fenomenali”, la Gazzetta dello Sport e il Corriere dello Sport dividono la prima pagina tra loro e la cessione sempre più vicina di Rumelu Lukaku dal Chelsea all’Inter.