Rassegna stampa 6 ottobre: lo strappo Salvini-Draghi e il Nobel per la fisica italiano

Archiviate le elezioni amministrative, le prime pagine dei quotidiani di mercoledì 6 ottobre si focalizzano sullo strappo di Matteo Salvini all’interno della maggioranza del governo Draghi. Il leader del Carroccio ha ordinato ai suoi ministri di non presentarsi al Cdm che ha approvato il disegno di legge per la riforma fiscale. “Salvini strappa, Draghi va avanti”, titola il Corriere della Sera. Un’apertura che si ripete spesso, come in Repubblica (Fisco, lo strappo di Salvini), La Stampa (Salvini apre lo scontro con Draghi). Un tocco di genialità lo apporta il Manifesto con il suo “Fisco per fiasco”, riprendendo anche il discorso sulla batosta elettorale subita dalla Lega alle ultime elezioni comunali e che potrebbe aver indotto Salvini a questa mossa, ribadita anche dalle parole del ministro del Turismo Massimo Garavaglia e dall’onorevole Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera. Il disegno di legge prevede un riordino dell’Iva, la riduzione dell’Irpef e un riordino del catasto, ma la Lega si è opposta per generiche ragioni di metodo e merito.

Ma l’altra grande notizia della giornata di ieri è stata l’assegnazione del Nobel per la fisica all’italiano Giorgio Parisi, docente e ricercatore dell’Università La Sapienza. Un premio che al nostro Paese mancava dal 2002, anno della vittoria di Riccardo Giacconi. Il premio è stato attribuito a Parisi per i suoi studi sulla scoperta dell’interazione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici dalla scala atomica a quella planetaria. Molto bella la foto-notizia della Stampa: “Beautiful Mind”, che rievoca il film del  2002 con Russell Crowe nei panni del matematico e Nobel John Forbes Nash Jr.

I giornali sportivi si soffermano sulle final four della Nations League, competizione alla sua seconda edizione che si disputa tra oggi e domenica a Torino e a Milano. Gli azzurri, in un remake dell’ultima sfida agli Europei, affrontano la Spagna a San Siro stasera in una delle due semifinali. “Una coppa tira l’altra”, è l’augurio della Gazzetta dello Sport. Nella doppietta di trofei crede anche il Corriere dello Sport: “Rifacciamolo”. L’altra semifinale vedrà in campo a Torino Francia e Belgio. La finale e la finalina per il terzo posto saranno giocate entrambe di domenica.